domenica 8 marzo 2009

La loro voce sarà la mia voce

Nella mia vita ho sempre voluto avere dei principi di riferimento attraverso i quali rapportarmi al mondo.
Sono sempre stato dell’idea che fosse importante essere loro fedele sopra ogni altra cosa.
Sarò sincero, uno di questi mi ha letteralmente tormentato rimbombandomi nella testa per delle ore dopo la visione del dossier su Rai 2 (7 marzo 09) sulla questione dei diritti umani in Cina (in particolare in Tibet).

"Tutte le cose dunque che voi volete che gli uomini vi facciano, fatele anche voi a loro"
(Matteo 7:12)

Non ho potuto fare a meno d’immedesimarmi nella loro situazione e a quel punto è stato inevitabile:
“Fossi nella loro situazione quali sarebbero le mie aspettative sugli altri? Cosa vorrei che facessero per me?”
Mi sono venute in soccorso le parole del monaco Sangye Dewatsang, recuperate da un’intervista per un giornale svizzero dopo tanto cercare.

Maggior è il numero di persone consapevoli delle condizioni, maggiore sarà la pressione sulla Cina

Alla fine le aspettative del popolo tibetano, come di quello cinese, nei confronti del mondo si limitano ad una presa di coscienza della situazione.
Vogliono che la loro voce sia udita.
Per questo, per quanto mi riguarda, il grosso delle mie energie saranno concentrate nel dar ascolto alla verità e a prestare la mia voce alla causa di chi viene umiliato quotidianamente nella più totale inosservanza di ogni diritto umano.
La loro voce sarà la mia voce.

2 commenti:

ellythebest_13 ha detto...

E' una vergogna che ci sia una così totale inosservanza dei diritti umani in questi paesi... L'unica cosa possibile da fare è diffondere queste notizie. Continua così!

Anonimo ha detto...

Wohl, ich werde mit Ihrer Phrase zustimmen levitra generika levitra bestellen [url=http//t7-isis.org]cialis billig bestellen[/url]